• Chi siamo
  • Tours curiosi
  • Blog
  • Rubriche online
  • News
  • Contatti
  • it
  • en

  • Visita a Palazzo Te
    Visita alla Mantova Medievale
    Visita a Palazzo Ducale

    C'è un leone veneziano ad Asola

    Piccolissima storia di Asola. Tra molti passaggi, libera scelta e fortezza di confine. 


    Asola è il diminutivo del latino "ansa" e ricorda nel nome la curva del fiume Chiese proprio dove è stata fondata la città. Già nell'età del Ferro si segnala l'insediamento di popolazioni celtiche. Nel I secolo a.C. l'occupazione romana è attestata da ritrovamenti e corredi funerari.  
    Intorno al XII e XIII rientra nella giurisdizione comitale di Brescia controllata dai Visconti. Asola è dotata di rocca fortificata. Nel 1348 passa al dominio dei Malatesta, poi ancora Venezia e Gonzaga. Nel 1440 la svolta: decide liberamente di assoggettarsi a Venezia diventando così una fortezza di confine molto importante per il controllo della terraferma da parte di Venezia. 
    Asola resterà sotto il suo controllo fino all'arrivo di Napolone nel 1797. Con i francesi Asola ritorna al territorio mantovano a cui rimarrà legata anche nel 1814 con l'annessione al dominio austriaco.